Che tipo di gru esistono? La guida definitiva ed + 1 MODELLO FREGATURA che oggi non ha più valore.

di | 6 Maggio 2016

Per gli imprenditori che già hanno acquistato, noleggiato o comunque avuto gru edili, questo articolo sicuramente non sarà una novità, ma siccome abbiamo notato che parecchie persone non hanno una conoscenza esatta(e dovrebbero averla) riguardo le gru edili questa piccola mini-guida solleverà tutti i dubbi.

Quanti e quali sono i tipi di gru esistenti?

Tralasciando come ve le spiegherebbe un “tecnico”, a noi non interessa spiegarvi tecnicamente quanti e quali tipi di gru edili esistono, ma farvelo capire in senso “pratico”.

Parlando nel pratico, possiamo distinguere 4 tipi di gru edili.

  1. Gru per centro storico
  2. Gru tradizionali
  3. Gru automontanti
  4. Gru a Bandiera*

Bene, partiamo dalla prima

Gru per Centro Storico

Dedicheremo poco spazio alle gru per centro storico per vari motivi, uno su tutti perché già dal nome si comprende a cosa servono.

Le gru per centro storico vengono montate in questi luoghi essendo molto piccole.

Infatti la caratteristica più importante di queste gru è la dimensione minima degli elementi di torre e braccio.

Se hai bisogno di assistenza per un cantiere in centro storico, contattaci per un montaggio gru in tempi rapidi

Montaggio/Smontaggio Gru In Tempi Rapidi

La gru per centro storico viene posizionata e montata per un tipo di lavori di costruzione dove gli spazi di accesso e posizionamento della gru sono molto limitati, strade strette, appunto in centri storici dove possono servire ristrutturazioni in vicoli o ostacoli diversi.

In genere sono dotati di carro motorizzato, per permettere una maggiore versatilità. Lo spostamento è autonomo, infatti la piccola gru per centro storico si sposta senza mezzi di traino.

Dotata di 4 gambe indipendenti, permette anche la traslazione laterale, per poter accedere in qualsiasi tipo di cantiere appunto, e anche essere accostata a filo muro.

 

Nella foto possiamo notare una gru per centro storico montata. Notiamo in quale spazio è entrata.
La composizione di questa gru i suoi pezzi più lunghi di max 3,50 mt. c. ca, larghi massimo 0,75 c. ca e alti massimo 1,20 c. ca.
gru-centro-storico

Bene, avendo chiarito cosa è una gru per centro storico, concentriamoci sulle gru più importanti, o meglio, quelle che vengono utilizzate nella maggior parte dei cantieri.

 

Hai Bisogno di Assistenza GRU in tempi Rapidi?

Gru automontanti(rotazione in basso) e tradizionali(rotazione in alto).

Gru automontante

Una gru automontante è caratterizzata dalla cosiddetta rotazione in basso, ovvero la rotazione(gruppo ralla) avviene alla base della gru. Il montaggio di un automontante non avviene(come per le rotazioni alto) montando i vari elementi, ma viene effettuato idraulicamente o con un sistema di funi.

Di seguito vediamo una gru automontante idraulica in fase di montaggio
gru-automontante-idraulica

Come possiamo notare, il sistema fa muovere i vari elementi in modo da portare la gru all’esatta posizione di stabilità. Ovviamente il montaggio di una gru edile va eseguito da tecnici esperti.

Gru tradizionali(rotazione in alto)

Premettendo che si dividono in gru con cuspide e gru senza cuspide, in questo caso le riterremo uguali.

Le gru tradizionali, o a rotazione in alto, sono gru costituite da elementi separati che al momento del montaggio vengono uniti tra loro. A differenza delle gru automontanti, che hanno gli elementi già assemblati, e la gru va solo aperta, le gru a rotazione in alto, presentano vari elementi:

1. Carro di base, elemento in p.f.a. o tirafondi

Questi sono i 3 tipi di “base” secondo cui una gru può essere montata.

2. Elementi di torre

Definiscono l’altezza della gru

3. Ralla

E’ il cosiddetto pezzo che fa girare la gru

4. Controfreccia o controbraccio

Si trova all’opposto del braccio e ha delle zavorre che bilanciano i pesi caricati.

5. Braccio 

Il braccio, insieme alla torre, determina la linea secondo cui un carico può essere alzato e portato in avanti.

Bene, questa guida ti è servita a capire quanti e quali tipi di gru ci sono.

E il modello fregatura?

Hai ragione.

Diciamo che non c’è troppo piccolo che tu possa “acchiapparlo”,essendo un modello vecchio, ma siccome c’è ancora qualcuno che lo vende a chi non comprende bene, te ne parleremo.

La cosiddetta “automontante rotazione in alto”.

Ma cosa è? Già il nome non è molto simpatico.

Le automontanti rotazione in alto hanno fatto la storia delle gru edili nel mondo, ma come tutto accade, la tecnologia avanza e rispetto alle gru moderne non hanno più valore.

In poche parole questo tipo di gru si presenta come una gru a rotazione in alto, ma più semplice nelle operazioni di montaggio/smontaggio gru.

Ad oggi, una vecchia gru di questo tipo, tenendo conto delle lunghezze medie del braccio, può essere sostituita perfettamente da una gru automontante.

Gru a Bandiera*

Si distinguono tra gru a colonna e gru a mensola, e supportano gli impianti di movimentazione di carichi sia al chiuso in ambienti più ridotti, come capannoni e magazzini e anche aree all’aperto.

Le gru a mensola sono legati a strutture fisse preesistenti, come pilastri, pareti o parti di macchina, con staffe e tiranti, e movimentano il carico con rotazione attorno ad un asse poggiato sulla mensola stessa della struttura della gru.

Il braccio ruota manualmente fino a 270° e sul braccio di rotazione scorre un carrello dotato di paranco a catena. La rotazione è supportata da due piastre in lamiera d’acciaio, che sono fissate alla parete o bloccate ad un pilastro con dei tiranti.

Sono previste 3 versioni di gru a mensola: a canalina, in profilato e in profilato a sbalzo.

Si tratta di un tipo di gru ideale per il poco ingombro per movimentare carichi nel raggio d’azione del braccio.

Le gru a colonna si distinguono in due tipologie:

Gru a colonna con braccio rotante motorizzato

Sono dotate di una colonna tubolare fisata alla base con bulloni. Il braccio girevole è composto da trave portante che fa scorrere il carrello porta paranco. La rotazione dell’asse del braccio avviene attraverso un motoriduttore.

Gru a colonna con braccio a rotazione manuale

Sono dotate di una colonna tubolare fisata alla base con bulloni. In questo caso la rotazione non avviene per spinta motorizzata, ma attraverso una spinta manuale fino a 270° di possibile rotazione.

La mini-guida termina qui, nel caso volessi approfondire l’argomento puoi farlo leggendo l’articolo(clicca sulla scritta colorata) Qual è la gru migliore da acquistare?

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *